l'angolo web della rivista Cioccolata & C.
storia & curiosità | amici del cioccolato | buoni & nuovi | links
LA RICETTA DELLA SETTIMANA (15 luglio 2002)

GELATO AL CIOCCOLATO SUPERAMARO

Difficoltà: media
Tempo:
30 minuti più il raffreddamento
CALORIE: 334 a testa
OCCORRENTE PER 6 PERSONE

200 g di cioccolato superamaro al 70% di cacao
4 uova
3,5 dl di panna liquida
2,5 dl di latte
150 g di zucchero

Come si prepara
Spezzettate il cioccolato e mettetelo in una piccola casseruola, unite 1 dl di panna e immergete il recipiente in un bagnomaria caldo, su fuoco medio. Mettete sulla casseruolina un coperchio o un foglio di alluminio, lasciate scaldare bene per 7-8 minuti, poi togliete dal fuoco e mescolate con una spatola fino a che la crema sarà perfettamente liscia. Mettete la panna rimasta e il latte in un'altra casseruola, unite metà dello zucchero e, tenendo la miscela su fuoco basso, mescolate fino a quando lo zucchero sarà perfettamente sciolto. Poi portate il composto al limite del bollore. Intanto sgusciate i soli tuorli in una terrina, unitevi lo zucchero rimasto e sbatteteli a crema con la frusta elettrica, poi diluiteli lentamente con la miscela di latte e panna, ben calda, sbattendo più piano. Trasferite il composto nella casseruola già usata per far scaldare il latte, ponetela a bagnomaria e lavorando con un cucchiaio di legno, fate cuocere la crema finché velerÓ il cucchiaio con cui la state mescolando. Levatela dal fuoco e versatela piano nella crema di cioccolato, mescolando a lungo per ben amalgamare le due creme. Fate raffreddare del tutto.

Come si presenta
Versate la miscela ben fredda nella gelatiera e azionate l'apparecchio fino al consolidamento del gelato. Servitelo a pallottole, in coppe da dessert, decorando a piacere (o con un ciuffo di panna montata o con delle cialde a ventaglio).

IL TRUCCO PERCHE' RIESCA Se al momento di unire alle uova sbattute la miscela di latte e panna, questa non è ancora arrivata a bollore, non sospendete la lavorazione delle uova ma continuate a lavorarle con la frusta, per evitare che nella massa della crema si formino grumi